Successo del Vebo: stile e décor

0
19

Successo a Napoli per il Vebo, mostra internazionale della bomboniera, del regalo e casa che ha portato nel capoluogo di regione 250 espositori ed un trend positivo di visitatori dall’Italia del Nord.

Inaugurato dal sindaco di Napoli Luigi de Magistris, Vebo è arrivato nel 2017 alla sedicesima edizione, ospitata nella Mostra d’Oltremare.

Napoli, capitale della bomboniera

Vebo ha fatto di Napoli la capitale del settore, evidenziando peraltro il ruolo della Campania quale motore del comparto produttivo nazionale e ha attirato buyer da oltre 14 Paesi esteri. Al centro del salone, l’incontro con gli operatori del settore per le nuove collezioni del 2018, che raccontano stili e tendenze del mercato.

Si è trattato, insomma, di una vetrina che ha anticipato a Napoli ciò che interessa agli oltre 30mila operatori del comparto.

Gli espositori del Vebo alla Mostra d’Oltremare sono stati oltre 250, occupando con i loro stand una superfice di circa 15mila metri quadri. Negli stand, in vetrina, le nuove collezioni 2018 prodotte da circa 750 marchi: un percorso quasi infinito di stile, bellezza, décor.

L’etichetta parlante

Tra le stimolanti attrattive dell’edizione 2017 del Vebo a Napoli, oltre alle nuove collezioni, la presentazione di una importante novità : l’etichetta parlante. Si tratta di uno speciale codice adesivo che viene applicato ai prodotti e che permetterà, da ora in poi, di poter leggere messaggi, filmati e foto atraverso l’utilizzo dei cellulari.

Ciò consentirà, per esempio, agli sposi di abbandonare l’ormai antiquato bigliettino ricordo che veniva legato alle bomboniere e di caricare invece, grazie all’etichetta parlante, messaggi e ricordi della cerimonia che ogni ospite di una giornata indimenticabile potrà rivivere a casa sua, leggendo e visionando il materiale che gli sposi hanno ideato per i loro parenti e per i loro amici.

Successo per i Vebo Award

Confermato il successo dei Vebo Award, i riconoscimenti speciali riservati alla stampa, agli espositori ed al pubblico, assegnati a quanti prestano ogni giorno il proprio impegno professionale a favore della crescita e dello sviluppo del settore.

CONDIVIDI
Ho 28 anni. Sono laureata in Sociologia. Penso di poter scrivere il mio futuro anziché subirlo passivamente. Sono stata impegnata nel sociale in veste di assessore e educatrice di comunità per minori. Ora scrivo per 4ever Magazine, la vetrina di quanto sul nostro territorio merita di essere valorizzato. "Scrivendo comunico ciò che è profondo"

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here