La nascita del cinema, 28 Dicembre 1895

0
1

La nascita del cinema, 28 Dicembre 1895. Siamo a Parigi, nel seminterrato del Salon Indien du Grand Café. I fratelli Lumière organizzano la prima proiezione cinematografica pubblica, a pagamento.

In proiezione: L’uscita dalle officine Lumìere dei Fratelli Lumiere, della durata di 45 secondi. Lavoratori alla fine del turno nelle loro aziende. E’ questa l’immagine in movimento.

Auguste e Louis Lumière, ingegneri e primi registi della storia. Nati entrambi a Besançon. Impegnati nell’impresa fotografica del padre. La loro invenzione: il cinèmatographe. Un apparecchio che riprende e proietta le immagini su uno schermo bianco. Brevettato il 16 febbraio 1894. Una scatoletta compatta che funziona sia da camera che da proiettore.    Nel 1896 con il cinématographe visitano Londra e New York. Le immagini in movimento ebbero un’immediata e significativa influenza sulla cultura popolare. In L’Arrivée d’un train en gare de La Ciotat, si crea l’illusione che il treno stia uscendo dallo schermo. Gli spettatori, si danno alla fuga, credendo di essere travolti. Rimane senz’altro una delle emozioni più forti nella storia del cinema

Ignari del successo che avrebbe riscosso, i fratelli Lumière sentenziano «Il cinematografo è un’invenzione senza futuro». Convinti che il pubblico si sarebbe annoiato. Ma in un anno i Lumière creano più di 500 pellicole. La concorrenza non tarda ad arrivare. Nei primi anni del 900, i Lumière vendono i diritti del cinematografo a Charles Pathè. Ancora oggi, non possiamo che essere grati all’invenzione. E’ soprattutto merito loro se possiamo ritrovarci davanti a un megaschermo ad emozionarci per un nuovo film in programmazione.

CONDIVIDI
Ho 28 anni. Sono laureata in Sociologia. Penso di poter scrivere il mio futuro anziché subirlo passivamente. Sono stata impegnata nel sociale in veste di assessore e educatrice di comunità per minori. Ora scrivo per 4ever Magazine, la vetrina di quanto sul nostro territorio merita di essere valorizzato. "Scrivendo comunico ciò che è profondo"

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here