Al Vebo oggetti con l’etichetta parlante

0
25

Al Vebo le prime collezioni con l’etichetta parlante: al salone di Napoli dell’oggettistica e della tavola in anteprima le produzioni 2018 con l’app che carica foto,video e messaggi. In palio, gli Awards per stampa ed espositori.

Alla Mostra d’Oltremare di Napoli, dal 6 al 9 ottobre, la sedicesima edizione del Vebo, il salone internazionale dedicato ai settori della bomboniera, regalo e casa. In esposizione le anteprime delle collezioni del 2018 con l’innovativa app che, con un codice adesivo sugli oggetti, grazie ad uno smartphone, può leggere video, filmati e messaggi. I colori, le forme e le tendenze delle produzioni del prossimo anno renderanno Napoli capitale del settore produttivo in Italia.

Vebo: innovazione e stile

Sarà presentato in fiera dalla FIR – Federazione Italiana Regalo – l’applicazione realizzata dall’Azienda Marckar, società che ha creato questa novità assoluta. Attraverso un codice adesivo applicato ad un oggetto ed inquadrato con un cellulare di nuova generazione si potranno caricare video, foto e messaggi relativi ad un evento, consentendo a chi lo riceve di rivivere emozioni e ricordi nel tempo. In fiera saranno già presenti diverse aziende produttrici che hanno già adottato l’innovativo progetto sulle proprie collezioni.

Il Vebo Award

Prosegue il progetto dell’assegnazione dei Vebo Award, ideato dall’organizzazione presieduta da Luciano Paulillo, nei confronti della stampa ed aziende produttrici che espongono a Napoli. I riconoscimenti in palio intendono premiare le migliori collezioni in anteprima presentate all’esposizione partenopea nei segmenti dedicati alle produzioni di bomboniera, regalo e casa.

L’Award dedicato al gradimento del pubblico

Ma gli Award sono dedicati anche alla stampa, che da quest’anno vedrà l’adesione dei media generalisti che orami seguono il salone con attenzione ed interesse. Prosegue l’iniziativa che implementa i riconoscimenti con l’Award Gradimento del pubblico, destinato all’espositore scelto dai visitatori per il maggior riscontro personale.

Così Napoli diventa, per quattro giorni, la capitale italiana del made in Italy dell’artigianato. La Campania, infatti, rappresenta, per fatturato e numero di operati, la regione capofila del segmento nazionale.

CONDIVIDI
Ho 28 anni. Sono laureata in Sociologia. Penso di poter scrivere il mio futuro anziché subirlo passivamente. Sono stata impegnata nel sociale in veste di assessore e educatrice di comunità per minori. Ora scrivo per 4ever Magazine, la vetrina di quanto sul nostro territorio merita di essere valorizzato. "Scrivendo comunico ciò che è profondo"

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here